VINYASA YOGA E BANDHA

MANCANO TRE MESI ALL’ESTATE E TUTTI NOI IN QUESTO PERIODO DELL’ANNO COMINCIAMO A PENSARE DI RIMETTERCI IN FORMA IN VISTA DEI MESI IN CUI TORNEREMO IN SPIAGGIA. UNO DEI PROPOSITI PERCIÒ COMUNE A TUTTI, ME COMPRESA, È QUELLO DI AVERE UN CORPO TONICO E UN VENTRE PIATTO. NELLO YOGA ESISTE UNA TECNICA CHE SI CHIAMA BANDHA IN GRADO DI PORTARE BENEFICI PROPRIO SUI MUSCOLI PROFONDI. BANDHA NELLO YOGA SIGNIFICA “SIGILLO” E SERVE AD INTRAPPOLARE L’ENERGIA NEL CORPO, DANDO UNA FORTE CARICA, ATTIVANDO I MUSCOLI DEL QUARTO LIVELLO E CONFERENDO ALL’ADDOME UN ASPETTO ASCIUTTO E TONICO.

Mula Bandha consiste nel ritrarre verso l’alto il perineo e poi rilassarlo nuovamente prima di iniziare l’ispirazione. Aiuta a rinforzare i muscoli del bacino, migliorando la stabilità e il radicamento. Alcune posizioni di yoga richiedono l’utilizzo del Mula Bandha.

Uddiyana Bandha è una tecnica che consiste nel ritrarre l’addome e l’ombelico verso l’interno dopo una profonda espirazione rimanendo in apnea respiratoria per alcuni istanti per poi, dopo aver rilassato l’ombelico, riprendere con l’ispirazione. La tecnica è utile per esercitare la muscoltura profonda dell’addome, appiattire il ventre ed eseguire alcune posizioni di equilibrio come bakasana.

VINYASA

Con il termine Vinyasa si intende l’arte di combinare il respiro con il movimento; un’arte importante in tempi in cui la fretta ci porta a respirare in maniera insufficiente con momenti di apnea inconsapevoli di certo non salutari per l’intero sistema organico. Il Vinyasa applicato allo Yoga diventa Vinyasa Yoga. Esso proviene dagli insegnamenti di Krisnamacharya e consiste nell’unire le posture classiche dello yoga (asana) al respiro, con movimenti di passaggio, detti transizioni.

ANUKALANA YOGA

Esistono parecchi tipi di Vinyasa Yoga. Anukalana Yoga, che in sanscrito significa “integrazione”, è un tipo particolare di Vinyasa con flow di transizione morbidi inspirati alle arti marziali e uniti a una determinata forma di respirazione detta respirazione articolare. Anukalana Yoga è un approccio alla pratica dello yoga e della meditazione studiato da Jacopo Ceccarelli che, basandosi sull’antica tradizione del Tantra, integra elementi di derivazione taoista. La pratica di Anukalana Yoga è estremamente fluida e aiuta la schiena a recuperare la sua elasticità adattandosi perfettamente alla fisiologia del corpo umano, costituito al 75/80% di materia fluida.
Muovere il corpo rispettando questa natura permette di moltiplicare i benefici della pratica delle Asana e di velocizzare i tempi in cui si manifestano trasformazioni profonde.

Il respiro è l’anello di congiunzione tra il corpo e la mente